Agrate Conturbia | Battistero di San Giovanni

agrate_battisteroIl battistero romanico di San Giovanni di Agrate Conturbia è stato consacrato tra il 1122 ed il 1148 durante il vescovato di Litifredo. Nel sito in cui si trova la struttura sono stati effettuati ritrovamenti archeologici che hanno fatto ipotizzare che vi fosse anticamente un sacello romano. La sua struttura, in base alle ricerche storiche sviluppate su di essa, si compone di due porzioni edificate in periodi diversi. La porzione sottostante, risalente al X secolo, si presenta come irregolare, a base circolare, con due absidiole situate ai lati del portale ed è realizzata in pietre più rozzamente squadrate e ciottoli disposti a spina di pesce, oltre ad inserimenti di laterizio. La parte superiore, il tiburio, ha stampo ottagonale, poggia su otto pilastri interni, formata da pietre squadrate, ed è caratterizzata da due monofore strette, sovrastate da serie di trifore cieche; venne edificata nell'XI-XII secolo e risulta chiusa superiormente da una cornice di archetti pensili.
Nel XVII secolo l'edificio viene interessato da modifiche, tra cui la costruzione di una struttura porticata che collegava il battistero con la chiesa di San Vittore. Viene inoltre demolita l'abside a nord ed edificata una cappella quadrata.
Internamente il battistero, strutturato in grandi nicchie chiuse da archi ciechi, conserva una vasca ottagonale incassata centralmente nel pavimento a cui si accede attraverso tre gradini. Una serie di affreschi del XV - XVI secolo decorano alcune arcate e la volta sovrastante. Sulla parete nord è presente un dipinto raffigurante un Battesimo, mentre un altro Battesimo è posto in corrispondenza all'arcata frontale. Al culmine della cupola si trova l'immagine di un sole fiammato a dodici raggi.
Nel XX secolo la struttura di collegamento tra battistero e chiesa viene demolita, riportando il battistero alla sua forma originaria.